Principale Crescere 10 cose che le persone emotivamente intelligenti si rifiutano di pensare

10 cose che le persone emotivamente intelligenti si rifiutano di pensare

Presta attenzione a ciò che esce dalla tua bocca. La lingua che usi influisce sul modo in cui vivi il tuo mondo e su come gli altri ti percepiscono. Inevitabilmente, le cose si 'perdono nella traduzione'.

Se hai familiarità con la distorsione cognitiva o pregiudizio cognitivo , questi termini di psicologia ci insegnano che ci sono modi sottili in cui la nostra mente può convincerci di qualcosa che non è realmente vero. Questi pensieri imprecisi vengono solitamente utilizzati per rafforzare il pensiero o le emozioni negative, trattenendoci così.



Lo facciamo tutti, sia consciamente che inconsciamente, e il modo in cui lo facciamo fornisce indicazioni sulle nostre convinzioni sottostanti su noi stessi, sui nostri colleghi, partner e colleghi e sul mondo circostante che ci circonda.

Come lo psichiatra e ricercatore David Burns spiega, questo potrebbe significare guai. Quale di questi fai? Controlla le aree sottostanti e sii abbastanza coraggioso da chiedere una prospettiva a un collega fidato. È un problema?

Le 10 migliori distorsioni cognitive

1. Tutto o niente pensando : Vedere le cose come nere o bianche, giuste o sbagliate, senza niente in mezzo. In sostanza, 'se non sono perfetto, allora sono un fallimento'. Esempi:



con chi è sposata Teri Hatcher
  • 'Non ho finito di scrivere quella proposta, quindi è stata una completa perdita di tempo.'
  • 'Non ha senso giocare in quel torneo di golf per raccogliere fondi se non sono in forma al 100%'.
  • 'Il venditore non si è presentato, sono completamente inaffidabili!'

2. Eccessiva generalizzazione : Utilizzo di parole come 'sempre' o 'mai' in relazione a un singolo evento o esperienza.

  • 'Non avrò mai quella promozione.'
  • 'Lo fa sempre....'

3. Minimizzare o ingrandire (anche, catastrofizzare) : Vedere le cose come drammaticamente più o meno importanti di quanto non siano in realtà, il che spesso può creare una 'catastrofe' che ne consegue. Esempi di tale dialogo interiore:

  • 'Poiché il mio capo l'ha ringraziata pubblicamente, otterrà quella promozione, non io (anche se ho avuto un'ottima valutazione delle prestazioni e ho appena vinto un premio aziendale).'
  • 'Ho dimenticato quell'e-mail! Ciò significa che il mio capo non si fiderà più di me, non riceverò quell'aumento e mia moglie mi odierà».

4. Usando parole come 'dovrebbe', 'necessità', 'deve' e 'dovrebbe' come motivazione: Potresti avere la tendenza a usare tali parole per motivarti, poi ti senti in colpa quando non segui (o ti arrabbi e ti senti risentito quando qualcun altro non ti segue). Esempi del tuo dialogo interiore:



  • 'Avrei dovuto ottenere il contratto consegnato lo scorso fine settimana.'
  • 'Avrebbero dovuto essere più attenti ai miei sentimenti riguardo a questo progetto, avrebbero dovuto sapere che mi avrebbe sconvolto.'

5. Etichettatura: Applicare un'etichetta negativa a te stesso o ad altri a seguito di un singolo evento.

  • 'Non ho tenuto testa al mio collega, sono un tale imbranato!'
  • 'Che idiota, non se lo sarebbe nemmeno immaginato!'

6. Saltare alle conclusioni (lettura del pensiero o predizione della fortuna): Fare previsioni negative sul futuro senza prove o supporto fattuale. Esempio:

  • 'Non sarò in grado di pagare le bollette se vado in vacanza (anche se ci sono un sacco di soldi in risparmi).'
  • 'Nessuno capirà. Non sarò più invitato a parlare (anche se sono partner della comunità di supporto).'

7. Scontare il positivo: Non riconoscere il positivo. Dire che chiunque avrebbe potuto farlo o insistere sul fatto che le tue azioni, qualità o risultati positivi non contano. Piace:

quanti anni ha Landry Jones
  • 'Questo non conta, chiunque avrebbe potuto farlo.'
  • 'Ho solo ridotto da 40 sigarette al giorno a 10. Non conta perché non mi sono ancora arreso del tutto.'

8. Colpa e personalizzazione: Incolpare te stesso quando non eri del tutto responsabile o incolpare altre persone e negare il tuo ruolo nella situazione. Esempi:

  • 'Se solo fossi stato più giovane, avrei ottenuto il lavoro.'
  • 'Se solo non l'avessi detto, non avrebbero...'
  • 'Se solo non mi avesse urlato contro, non mi sarei arrabbiato e non mi sarei sparato.'

9. Ragionamento emotivo: Sento, dunque sono. Supponendo che un sentimento sia vero, senza scavare più a fondo per vedere se questo è accurato. Piace:

  • 'Mi sento un tale idiota (deve essere vero).'
  • 'Mi sento in colpa (devo aver fatto qualcosa di sbagliato).'
  • 'Mi sento davvero male per aver urlato contro il mio partner, devo essere davvero egoista e sconsiderato.'

10. Filtro mentale: Permettere (soffermarsi su) un dettaglio o un fatto negativo per rovinare il tuo divertimento, felicità, speranza, ecc. Esempio:

  • Hai passato un'ottima serata e cena in un ristorante con gli amici, ma il tuo pollo era poco cotto e questo ha rovinato l'intera serata.

Chiarimento: questa colonna è stata aggiornata per aggiungere l'attribuzione allo psichiatra David Burns.