Principale Conto Alla Rovescia: Festività 2020 Questa startup sta trasformando le carte regalo inutilizzate in profitti

Questa startup sta trasformando le carte regalo inutilizzate in profitti

Le carte regalo sono un grande affare. I consumatori acquisiscono ogni anno dai rivenditori un valore stimato di 400 miliardi di dollari. Ma ogni anno, circa il 30 percento del valore della carta regalo non viene speso, in parte perché è così facile dimenticare quel pezzo di plastica che hai nascosto in un cassetto. Inserisci Raise, un'azienda con sede a Chicago che offre ai consumatori la possibilità di vendere carte regalo che non desiderano e di acquistarne altre con uno sconto. Ancora meglio, con la sua nuova app mobile, Raise consente ai consumatori di prendere carte scontate mentre aspettano in fila per effettuare un acquisto. La società di tre anni ha mediato la vendita di un milione di carte nel 2014 e ha raccolto più di 80 milioni di dollari in finanziamenti. George Bousis, il 28enne fondatore e CEO di Raise, ha parlato con Inc. di come ha iniziato.

Grandi idee mentre insacca la spesa

Mi sono interessato alle carte regalo quando aiutavo nei negozi di alimentari di famiglia dopo il college. I miei genitori sono immigrati dalla Grecia che hanno lavorato duramente tutta la vita per sostenere l'attività, Cermak Fresh Market, una catena di 15 negozi nelle aree di Chicago e Milwaukee che hanno aperto nel 1987. Lavorando nella gastronomia e insaccando generi alimentari, ho studiato cosa persone hanno acquistato e come potremmo immagazzinare l'inventario in modo più efficace. Questo ci ha permesso di far crescere i nostri margini dal 2% a due cifre in pochi anni.

Ho anche iniziato a esplorare modi per generare entrate aggiuntive, il che mi ha portato all'idea di un programma di carte regalo. Prima del 2009, quale rivenditore non gradirebbe le carte regalo? Potresti vendere $ 100 di credito in negozio e tutto ciò che il cliente non ha utilizzato scade dopo 12 mesi. Ma le cose sono cambiate quando il Congresso ha approvato il Credit CARD Act del 2009, che impedisce ai rivenditori di ritirare le carte regalo in un anno e di prenotare quei soldi come profitto. Prima di allora, ogni anno scadeva fino al 25% del credito della carta regalo. Ora, le carte regalo sono considerate una passività in bilancio e non possono essere annullate per almeno cinque anni. Molti negozi hanno iniziato a offrire carte regalo che non scadono mai e attualmente solo il 2% del valore della carta regalo viene ritirato ogni anno.

Nello stesso periodo, le carte regalo stavano diventando digitali e mobili. Ho fatto due più due e ho capito che sarebbe diventato sicuramente un mercato enorme. Con mercati come Uber e Airbnb che stanno guadagnando attenzione, il mercato delle carte regalo era maturo per l'interruzione. Molte persone trascurano il fatto che i negozi non restituiscono più contanti per i resi. Ti danno carte con credito in negozio. Ho visto la possibilità di offrire alla gente liquidità per questo bene nel cassetto dei calzini, per pagarli per qualcosa che non stavano usando.

Esperimenti in soggiorno

Ho pensato che questo fosse il momento ottimale per fare qualcosa di nuovo e avviare un'attività in proprio. Avevo 23 anni, celibe e non avevo figli. Avevo un po' di soldi: da bambino ero un giocatore professionista di computer. Avevo degli sponsor e ho volato in giro per il paese per giocare nei tornei. Così ho preso i soldi che avevo risparmiato da giochi, vacanze, lauree e compleanni e nel 2011 ho lanciato quello che sarebbe diventato uno scambio di carte regalo.

misure di notizie sulla volpe di sandra smith

Ho iniziato assumendo persone di Craigs­list come appaltatori e ho avviato l'azienda nel mio salotto. Poi ho comprato le carte regalo a prezzo pieno dagli scaffali dei supermercati e le ho vendute in perdita per capire la liquidità del mercato. Ho potuto vedere come sono state valutate le carte e che tipo di sconti sono stati venduti meglio. Ho imparato come le persone pagavano le carte, come valutavano le loro carte e come venivano riscattate.

Costruire un mercato

Era tutto un esperimento e alla fine ho finito i soldi. Mio padre non era entusiasta del fatto che avessi lasciato l'azienda di famiglia, quindi l'unica persona su cui potevo realisticamente contare per aiutarmi era mia madre. Ha accettato di diventare il mio primo angel investor e di scriverci il nostro primo assegno esterno. Nel 2011, abbiamo raccolto un totale di $ 600.000 in finanziamenti iniziali, tra i miei soldi, quelli di mia madre e quelli del nostro primo investitore esterno, Jeff Cantalupo. Abbiamo raccolto 2 milioni di dollari da altri angeli nel 2012.

Raise lanciato ufficialmente nel febbraio 2013 con 15 dipendenti. Prima di ciò, ho dovuto negoziare per acquistare l'URL. Il proprietario voleva un milione di dollari, che noi non potevamo permetterci. Dopo un po' di avanti e indietro, ho fatto un'offerta prendere o lasciare di $ 40.000. L'ha preso.

L'attività è andata avanti da lì, e ogni mese è stato migliore del precedente. Nell'autunno del 2013, abbiamo raccolto $ 18,1 milioni di serie A. A gennaio abbiamo raccolto altri $ 62 milioni.

Come funziona

A Raise, prendiamo una commissione del 15% dal prezzo di listino una volta che una carta regalo viene venduta. Gli sconti sulle carte variano, a seconda del rivenditore nonché della domanda e dell'offerta del mercato. Lo sconto medio è del 16% e l'acquisto medio è di $ 200, il che significa che i nostri acquirenti risparmiano circa $ 32 ogni volta che fanno acquisti con noi. I nostri utenti web hanno in media 12 acquisti all'anno, ma i dispositivi mobili stanno rapidamente superando questo numero, con 3-4 acquisti effettuati ogni settimana.

dov'è adesso Kristina Abernathy

Vediamo le nostre carte diventare digitali al 100% nei prossimi 24 mesi. La nostra app offre un portafoglio digitale che contiene le carte regalo che acquisti su Raise e quelle che ricevi in ​​regalo. L'app ti ricorderà anche quali carte hai tramite notifica push quando visiti un negozio.

Conquistare i rivenditori

Le relazioni che abbiamo stabilito con i rivenditori possono sorprendere le persone, ma i marchi ci vedono come amici. Aiutiamo a motivare i loro clienti a visitare i negozi, dove si verifica ancora il 90% delle transazioni al dettaglio e li motiviamo a spendere di più.

Carte regalo istantanee

La gratificazione immediata è ora il motore chiave della nostra attività. Diamo alle persone la possibilità di acquistare e vendere carte quasi istantaneamente, direttamente sul proprio dispositivo mobile, per generi alimentari, ristoranti, cinema e corse di caffè. Amo la sensazione di aiutare le persone e fornire loro il massimo valore possibile. Perché i consumatori dovrebbero pagare il prezzo intero quando possono utilizzare Raise per ottenere risparmi immediati o per rimettere soldi in tasca? È un gioco da ragazzi e crea un vantaggio per tutti, per rivenditori, acquirenti e noi.

Buoni regalo, passato e presente

immagine in linea

• Le carte regalo come le conosciamo oggi sono iniziate intorno al 1994. Attualmente rappresentano un giro d'affari stimato di 400 miliardi di dollari.

• I rivenditori amano le carte regalo in parte perché circa il 30 percento del loro valore non viene speso annualmente.

• Allo stesso tempo, vogliono il traffico pedonale (o il suo equivalente digitale), perché le persone compreranno, in media, circa il 43% in più del valore della carta.

• Ecco perché i rivenditori non si preoccupano di ciò che sta facendo Raise: in realtà sta rendendo il sistema complessivo più efficiente senza togliere direttamente ai loro flussi di entrate.