Principale Icone E Innovatori Cosa hanno in comune Warren Buffett, Bill Gates ed Elon Musk (oltre ai loro miliardi)

Cosa hanno in comune Warren Buffett, Bill Gates ed Elon Musk (oltre ai loro miliardi)

Cosa rende gli imprenditori miliardari? Una spinta al successo, un sacco di duro lavoro, una buona idea ed essere nel posto giusto al momento giusto. Queste sono le solite risposte, e sono tutte vere. Ma c'è un altro elemento altrettanto importante: la volontà di avvicinarsi audacemente a estranei o quasi estranei per cercare di vendergli qualcosa di apparentemente oltraggioso. E poi fallo ancora e ancora finché non ne comprano abbastanza.

Mi ha colpito leggendo un recente articolo di GOBankingRates sul about abitudini di 24 miliardari quanti di loro avevano lavorato nelle vendite, in particolare nelle vendite porta a porta, la forma più spietata della telefonata a freddo. Questa è una notizia difficile per molte persone (me compreso) che rabbrividiscono al solo pensiero di effettuare chiamate di vendita a sconosciuti.

Ma la storia non mente. Dai un'occhiata a questo elenco e valuta se vale la pena dedicare tempo e sforzi per imparare a essere migliore nelle chiamate di vendita. Per quanto mi riguarda, penso che la risposta sia sì.

che razza è Steven Seagal

Warren Buffett vendeva gomme da masticare e soda porta a porta.

Li ha comprati dal negozio di caramelle di suo nonno e poi li ha venduti con un piccolo profitto. Quell'abitudine di bussare alla porta degli sconosciuti è stata molto utile al leggendario investitore. Nel 1952, a 22 anni, decise che avrebbe potuto investire in GEICO. Ha preso un treno da Omaha a Washington, D.C. per visitare l'azienda e saperne di più, solo per arrivare di sabato e trovare l'ufficio chiuso. Non importa, ha semplicemente bussato alla porta finché un custode non lo ha fatto entrare. Non solo ha finito per investire in GEICO, ma è anche diventato amico per tutta la vita di Lorimer Davidson, il vicepresidente che ha incontrato quel giorno.

Bill Gates ha contattato degli estranei per vendere un prodotto che non esisteva.

Nel 1975, il diciannovenne Bill Gates lesse un articolo sull'Altair 8800, un nuovo microcomputer. Ha contattato il produttore del computer per dire che lui ei suoi amici stavano creando un'interfaccia per consentire al linguaggio del computer BASIC di funzionare su Altair. Non si lasciò rallentare dal fatto di non avere un Altair e quindi di non poter scrivere alcun codice per uno. Voleva principalmente scoprire se i produttori di computer fossero interessati.

Lo erano, quindi Gates organizzò una demo del software. Ciò lasciò a lui e Paul Allen alcune settimane per a) creare un emulatore che consentisse loro di programmare per Altair senza averne effettivamente uno, eb) creare il software che aveva promesso di dimostrare. Ce l'hanno fatta, e il produttore di Altair è diventato il primo cliente di Microsoft.

Un impoverito Elon Musk ha venduto le sue guide della città a grandi società di media.

Anni prima di Tesla e persino di PayPal, la prima compagnia di Musk si chiamava Zip2. Ha fornito una guida alla città di Internet per le grandi aziende dei media nel 1995 proprio quando quelle aziende stavano cercando di mettere insieme i loro atti online. Questa è l'unica spiegazione di come Musk di 24 anni sia stato in grado di ottenere contratti per le guide di Zip2 con Il New York Times, il Los Angeles Times , e Chicago Tribune .

Avrebbero potuto esitare se avessero saputo quanto Musk fosse vicino al limite. Non potendo permettersi un appartamento da cui gestire un'attività da casa, ha affittato un ufficio dove ha dormito su un futon e si è fatto la doccia in un vicino YMCA. Il lato positivo è che, una volta che era comunque all'Y, spesso si allenava. 'Ero più in forma di quanto non sia mai stato', scherza ora.

Phil Knight ha chiamato a freddo un CEO giapponese.

In Giappone, dove il protocollo è primario e gli appuntamenti e le vendite devono essere effettuati attraverso i livelli di gestione appropriati, un atto del genere è quasi sconosciuto. Ma Knight stava attraversando Kobe in Giappone per un viaggio intorno al mondo dopo aver ottenuto il suo MBA quando ha incontrato le scarpe da corsa del marchio Tiger. Era così impressionato dalla loro alta qualità e dal basso costo che riuscì a trovare un incontro con l'amministratore delegato dell'azienda. In quell'incontro, si è assicurato i diritti di distribuzione per le scarpe Tiger negli Stati Uniti occidentali. Quelle scarpe, quando arrivarono, diedero a Knight le basi per l'azienda che sarebbe presto sbocciata in Nike.

giudice joe mathis patrimonio netto

Un Mark Cuban licenziato è andato dietro ai clienti del suo ex datore di lavoro.

Il futuro Vasca degli squali la stella era licenziato dal suo primo vero lavoro presso un rivenditore di software per aver disobbedito agli ordini e per essere andato a una riunione di vendita invece di aprire il negozio. Immagina il coraggio che ci è voluto (dopo aver superato la sbornia) per iniziare a telefonare ai clienti del suo ex datore di lavoro e chiedere loro di rischiare su un'azienda che consisteva in un singolo 24enne che lavora da casa, senza un computer per eseguire software sopra.

Come puoi immaginare, la risposta è stata quella che lui chiama 'un sacco di rimaniamo in contatto'. Ma due clienti hanno morso e uno ha persino offerto uno spazio ufficio. Era abbastanza per dargli il suo inizio.