Principale Il Futuro Del Lavoro La guerra per i talenti: è reale ed ecco perché sta accadendo

La guerra per i talenti: è reale ed ecco perché sta accadendo

Sembra che la guerra per il talento non finisca mai. Fin dagli albori del business moderno, le organizzazioni hanno cercato di attrarre e trattenere le persone migliori possibili. Questo non è nuovo. La frase t lui guerra per il talento è stato coniato nel 1997 e si riferisce al panorama mutevole intorno all'attrazione e alla conservazione dei talenti, fondamentalmente, che sta diventando più impegnativo. Questo è stato 30 anni fa. Oggi non è solo impegnativo, è decisamente difficile e complesso.

Facebook lo capisce meglio di molti altri. Inizia con una semplice domanda: 'Se tu avessi i migliori talenti del mondo, cosa avresti bisogno di fare per attrarli e mantenerli?' Organizzazioni come Facebook non cercano solo persone; stanno cercando il migliore persone. Questo è forse uno dei più grandi cambiamenti che abbiamo visto; la tecnologia sta sostituendo i corpi, il che significa che le organizzazioni cercano qualcosa di più. Dobbiamo anche ricordare che la guerra per il talento non riguarda solo l'attrazione di potenziali dipendenti, ma anche il mantenimento di quelli esistenti.

Analizziamolo un po' di più; la guerra per il talento è alimentata da alcune cose.

Divario di competenze e carenza di talenti

PER McKinsey trimestrale L'articolo affermava che entro il 2020 il mondo potrebbe avere 40 milioni di meno di lavoratori con istruzione universitaria e che le economie in via di sviluppo potrebbero avere una carenza di 45 milioni di lavoratori con istruzione secondaria e formazione professionale. Nei paesi più avanzati, fino a 95 milioni di lavoratori potrebbero non disporre delle competenze necessarie per l'occupazione. Il più recente sondaggio sulla carenza di talenti di ManpowerGroup ha rilevato che il 38% dei datori di lavoro ha difficoltà a riempire i posti di lavoro.

C'è poco accordo su ciò che sta causando questo divario di competenze, quali sono le potenziali soluzioni e se il divario di competenze è anche reale. La maggior parte dei dirigenti con cui parlo riconoscono che il divario di competenze è reale. Ma ciò che rende tutto questo ancora più impegnativo è che non siamo sicuri di quali saranno i lavori del futuro. Considera che quando la maggior parte delle persone si diploma all'università, le abilità apprese sono per lo più rese obsolete. Ciò significa che le organizzazioni stanno cercando di assumere dipendenti per lavori che non esistono ancora. La prima cosa che i dipendenti potenziali e attuali possono fare per avere successo in questo tipo di ambiente è imparare a imparare. In altre parole, avere la capacità di apprendere regolarmente cose nuove e applicare le cose che si imparano a situazioni e scenari nuovi e attuali.

La cosa affascinante è che le organizzazioni che si concentrano sulla creazione di esperienze per i dipendenti non percepiscono questo divario di competenze tanto quanto quelle che non lo sono. Sembra che nei prossimi anni le organizzazioni vorranno assumere personale, e semplicemente non ci sarà abbastanza manodopera altamente qualificata per andare in giro.

Cambiamento demografico

Secondo un recente rapporto, il volto della forza lavoro cambierà drasticamente nel prossimo decennio in termini di numero ed età dei dipendenti. Oggi, i millennial sono già la più grande fascia demografica, superando i baby boomer nel 2016. Entro il 2020, dovrebbero comprendere il 50% della forza lavoro e il 75% entro il 2025. Vediamo anche la Generazione Z (la generazione dopo i millennial) che si insinua sul posto di lavoro e attualmente comprendono oltre 25 milioni di persone solo negli Stati Uniti. Non solo, ma il tasso di partecipazione al lavoro negli Stati Uniti sembra diminuire gradualmente ma costantemente. Questo mutevole mix di dati demografici porta nuovi valori, atteggiamenti, aspettative e modi di lavorare. Tuttavia, questo non è nuovo. Le nostre organizzazioni hanno sempre dovuto adattarsi alle nuove generazioni che entrano nel mondo del lavoro, ma la sensazione generale è che i precedenti adattamenti fossero molto lenti e graduali e ora siano diventati più aggressivi.

Cambiare volto alla competizione tra talenti

In passato, le organizzazioni gareggiavano su competenze e anzianità, posizione e rivali diretti. Ciò significava che se vivessi a San Francisco, avresti gareggiato contro altre persone della zona, o che se fossi stato Coca-Cola, avresti gareggiato contro Pepsi, Ford contro Toyota e Boeing contro Airbus. Oggi tutti competono con tutti. Coca-Cola è in competizione con Toyota e McDonald's è in competizione con Airbus. Questa competizione si estende anche alla gig economy, dove individui intelligenti e di talento potrebbero decidere di guidare per Uber o unirsi a un mercato freelance online invece di lavorare per te.

Psicologia (e Sociologia)

L'esperienza dei dipendenti è una ricerca psicologica e sociologica. Le organizzazioni ora stanno prendendo queste attività più seriamente mentre cercano di creare veramente ambienti in cui le persone vogliono presentarsi al lavoro. Questa non è più solo una sfida che un'organizzazione può superare con vantaggi, retribuzioni più elevate o espedienti. Invece, il mondo degli affari si sta rivolgendo agli scienziati sociali per aiutarli davvero a capire perché e come le persone funzionano. Non dovrebbe sorprendere che la psicologia organizzativa industriale sia una delle professioni in più rapida crescita. Questi scienziati stanno influenzando il modo in cui assumiamo e reclutiamo le persone, progettiamo i nostri spazi per uffici, guidiamo e gestiamo e persino costruiamo e gestiamo i nostri dipartimenti delle risorse umane. Questo parla della tendenza a concentrarsi sulla progettazione organizzativa a lungo termine anziché su programmi di coinvolgimento a breve termine.

Turbolenza aziendale

Quasi il 90% del Fortune 500 è scomparso da quando l'elenco originale è stato creato nel 1955. Per distruggere davvero una grande azienda globale, dovevi essere una grande azienda globale. Oggi la concorrenza può provenire da un venditore di fax porta a porta (Spanx), un abbandono del college (Facebook), un ex cliente (Netflix) o qualcuno che ha appena raccolto un sacco di soldi (Uber). Il punto è che in un mondo che sembra essere sempre più piccolo, in un momento in cui il cambiamento sta diventando più veloce, la tua concorrenza può venire da qualsiasi parte e non la vedrai mai finché non te la senti in faccia. In questo ambiente, le organizzazioni stanno lottando per assumere i migliori talenti che li aiuteranno a vedere potenziali minacce e scoprire nuove opportunità. Mettendo a fuoco sull'esperienza dei dipendenti , molte aziende sperano di invertire questa tendenza.

cosa è successo al marito di Tia Torres