Tariffe

Una tariffa è una tassa o un dazio imposto da una nazione sui beni o servizi importati di un'altra nazione. Le tariffe sono uno strumento politico che è stato utilizzato nel corso della storia per controllare la quantità di importazioni che affluiscono in un paese e per determinare a quali nazioni verranno concesse le condizioni commerciali più favorevoli. Dazi elevati creano protezionismo, proteggendo i prodotti dell'industria nazionale dalla concorrenza straniera. Le tariffe elevate di solito riducono l'importazione di un determinato prodotto perché la tariffa elevata porta a un prezzo elevato per i clienti di quel prodotto.

Ci sono due tipi fondamentali di tariffe imposte dai governi sui beni importati. Il primo è il valorizzare imposta che è una percentuale del valore dell'oggetto. Il secondo è un tariffa specifica che è una tassa riscossa in base a una tariffa fissa per numero di articoli o per peso.

Le tariffe sono generalmente imposte per uno dei quattro motivi:

  • Proteggere le industrie nazionali di nuova costituzione dalla concorrenza straniera.
  • Proteggere le industrie nazionali obsolete e inefficienti dalla concorrenza straniera.
  • Proteggere i produttori nazionali dal 'dumping' da parte di società o governi stranieri. Il dumping si verifica quando una società straniera applica un prezzo sul mercato nazionale inferiore al proprio costo o al costo per il quale vende l'articolo nel proprio mercato nazionale.
  • Per aumentare le entrate. Molte nazioni in via di sviluppo usano le tariffe come un modo per aumentare le entrate. Ad esempio, una tariffa sul petrolio imposta dal governo di una società che non ha riserve petrolifere nazionali può essere un modo per aumentare un flusso costante di entrate.

Dall'inizio degli anni '90, la tendenza è stata una diminuzione delle tariffe su scala globale, come evidenziato dal passaggio di noti trattati come l'Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT) e l'Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA), come nonché l'abbassamento delle barriere commerciali nella Comunità Economica Europea, la riduzione o addirittura l'abolizione dei dazi. Questi cambiamenti riflettono la convinzione di alcuni politici ed economisti che tariffe più basse stimolino la crescita e generalmente riducano i prezzi.

Gli oppositori delle tariffe sostengono che le tariffe danneggiano entrambi (o tutti) i paesi coinvolti, quelli che impongono la tariffa e quelli i cui prodotti sono l'obiettivo delle tariffe. Per il paese i cui prodotti sono oggetto di dazi, i costi di produzione ei prezzi di vendita aumentano e per la maggior parte questo porta a minori esportazioni e minori vendite. Un calo delle attività porta a una diminuzione dei posti di lavoro e diffonde il rallentamento dell'attività economica.

L'argomento che le tariffe effettivamente danneggiano il paese che le impone è un po' più complesso. Sebbene le tariffe possano inizialmente essere un vantaggio per i produttori nazionali che devono far fronte a una concorrenza ridotta a causa delle tariffe, la concorrenza ridotta consente quindi l'aumento dei prezzi. Le vendite dei produttori nazionali dovrebbero aumentare, a parità di altre condizioni. L'aumento della produzione e dei prezzi più elevati determinano aumenti interni dell'occupazione e dei consumi. Le tariffe aumentano anche le entrate del governo che possono essere utilizzate a beneficio dell'economia. Tutto questo suona positivo. Tuttavia, gli oppositori delle tariffe sostengono che i costi delle tariffe non possono essere ignorati. Questi costi si verificano quando il prezzo dei beni sui quali sono state imposte le tariffe è aumentato, il consumatore è costretto ad acquistare meno di questi beni o meno/meno di alcuni altri beni. L'aumento dei prezzi può essere considerato come una riduzione del reddito dei consumatori. Poiché i consumatori acquistano di meno, i produttori nazionali di altri settori vendono di meno, causando un declino dell'economia.

Nonostante questi argomenti secondo cui le tariffe sono alla fine dannose per tutte le parti in una relazione commerciale, di volta in volta sono state utilizzate da tutte le nazioni. La maggior parte dei paesi in via di sviluppo usa le tariffe per cercare di proteggere le loro industrie nascenti o le industrie di cui sentono la nazione ha bisogno a livello nazionale per rimanere indipendente. Gli Stati Uniti hanno utilizzato ampiamente le tariffe durante i suoi primi anni come nazione e continuano a farlo oggi quando esiste la volontà politica. Anche i sostenitori del libero scambio a volte stabiliscono che le tariffe possono servire a uno scopo utile. Nel 2002, ad esempio, il presidente George W. Bush ha annunciato l'imposizione di dazi sull'acciaio per un periodo di tre anni sulle importazioni dall'Unione Europea, dal Giappone, dalla Cina, dalla Corea del Sud e da Taiwan. La reazione a queste tariffe è stata rapida e minacciosa. Gli Stati Uniti hanno finito per ritirare la tariffa nel dicembre del 2003 per evitare la guerra commerciale che si stava preparando in reazione alla tariffa sull'acciaio.

Il modo in cui le aziende sono influenzate dalle tariffe varia da azienda a azienda in base a una serie di fattori: vicinanza del settore industriale alla tariffa imposta, come direttamente gli input e gli output dell'azienda sono toccati dalla tariffa, se l'azienda è coinvolta o meno nell'esportazione o importazione, ecc. Le aziende che svolgono la maggior parte della loro attività all'interno di un mercato nazionale possono beneficiare dell'imposizione di tariffe sui prodotti competitivi. Se, tuttavia, gli input materiali ai prodotti di un'azienda sono gli obiettivi delle tariffe, allora l'azienda potrebbe essere danneggiata dall'aumento dei prezzi sui suoi input materiali. In un altro possibile scenario, un'impresa coinvolta nell'esportazione può essere danneggiata se vede l'imposizione di una tariffa su prodotti simili a quelli che esporta e tariffe di ritorsione sono imposte da altre nazioni sui prodotti che esporta. Come mostrano questi esempi, l'impatto delle tariffe su un'impresa può essere molto diverso da quello sperimentato da un'altra attività e gli impatti differiscono in base a caratteristiche diverse dalle dimensioni delle imprese.

Gli esportatori di solito sono ben consapevoli del potenziale danno che potrebbe subire se le tariffe vengono imposte inaspettatamente sui loro prodotti e per questo motivo di solito includono un'esclusione di responsabilità per tali tariffe che vengono imposte dopo la firma di un contratto di acquisto. Tali clausole di un contratto di acquisto di solito affermano qualcosa del tipo: 'I prezzi indicati non includono (e il Cliente accetta di pagare) tasse, tariffe, dazi o commissioni di alcun tipo che possono essere riscosse o imposte a entrambe le parti da enti federali, statali, comunali , o altre autorità governative in relazione alla vendita o alla consegna del prodotto». La chiave è proteggere l'azienda dalla responsabilità per potenziali azioni governative imprevedibili e potenzialmente arbitrarie.

BARRIERE NON TARIFFARIE

Degno di nota è il fatto che le barriere non tariffarie sono utilizzate abbastanza frequentemente anche da nazioni di tutte le dimensioni nel tentativo di rafforzare le proprie economie e proteggere gli interessi interni. La Small Business Administration definisce le barriere non tariffarie come 'leggi o regolamenti che un paese emana per proteggere le industrie nazionali dalla concorrenza straniera'. Tali barriere non tariffarie possono includere sussidi per le merci nazionali, quote di importazione o regolamenti sulla qualità delle importazioni».

BIBLIOGRAFIA

Allen, Mike. 'Il presidente abbasserà le tariffe sull'acciaio. Bush cerca di evitare una guerra commerciale e le sue ricadute politiche.' Washington Post . 1 dicembre 2003.

Ethier, Wilfred J. 'La teoria della politica commerciale e degli accordi commerciali: una critica.' Università della Pennsylvania. Dipartimento di Economia. Seconda edizione. 23 marzo 2005.

Danny il conte è sposato

Rushford, Greg. 'Smettila di nasconderti dietro le tariffe e abbraccia la globalizzazione'. Commercio di pesce . agosto 2005.

Tirschwell, Peter. 'Una barriera commerciale emergente'. Il Giornale di Commercio . 15 dicembre 2003.

Amministrazione delle piccole imprese degli Stati Uniti. 'Irrompere nel gioco del commercio: una guida per le piccole imprese.' Disponibile da http://www.sba.gov/oit/txt/info/Guide-To-Exporting/trad7.html . Estratto il 20 maggio 2006.